Danzavano come stelle in fuga

Home/Amore, Racconti brevi/Danzavano come stelle in fuga

Danzavano come stelle in fuga

Si ritrovarono ai margini del cerchio, oltre l’orizzonte degli eventi, stelle in fuga, in equilibrio sull’abisso. Danzavano la loro danza, attoniti e furibondi di vita, increduli d’essere altro dall’oblio.

In un grande vortice di particelle e luce, disperdevano, componevano, sommavano e dividevano, espandevano le loro energie, senza riserva, perché sapevano che tutto, comunque, sarebbe ritornato nel grande silenzio. Prima o poi. In quel vuoto che non era vuoto, in quella quiete che non era quiete. Una condizione che non conosceva parole e le conteneva tutte. Un insieme compiuto, in cui tutto era vuoto e contraddizione, e tutto era pienezza e coerenza.

Non c’erano confini, eppure esistevano orizzonti, non c’erano linee eppure esistevano forme. E in quel momento che precedeva l’esplosione o l’implosione – vettori opposti dello stesso evento – tutto era ipotesi e tutto era già compiuto. L’inizio e la fine di tutti i tempi, un bagno di luce nel grande buio.

Ma ora danzavano ai margini dell’orizzonte come stelle in fuga, in uno straordinario equilibrio sull’abisso e lo spazio si estendeva vasto, come un infinito oceano di luci e vita che pulsava in ogni dove. Erano in viaggio, in un tempo nuovo, che prima o poi si sarebbe concluso. Come sempre. Per iniziare di nuovo. Come sempre.

Erano stelle e gorgogliavano in cascate di luce, zampillavano cadenti nella fontana del tempo. Si allontanavano per ritornare, collidevano e sfrangiavano per scambiarsi sostanza, ruotavano, l’una attorno all’altro, si allontanavano e collidevano di nuovo. Una imponente danza ai margini del cielo. Ma ora, il cielo non aveva più margini e loro non conoscevano più confini. Perché la loro luce viaggiava e raggiungeva i più lontani e reconditi angoli di quel vasto universo. Erano lì e in ogni dove. L’eternità era appiccicata loro addosso come un fiume che trova sempre il mare in cui riversarsi, per diventare vapore e pioggia e ricadere nel mondo.

Quando la loro danza si fosse conclusa, prima o poi, sarebbero stati risucchiati dal buio, dalla fucina che trangugiava tempo e ne forgiava di nuovo, risucchiati, oltre l’orizzonte degli eventi, si sarebbero schiantati, smantellati, disfatti. Di nuovo nulla per essere ancora tutto.

Era la danza della luce e della vita, un’eterna danza oltre i confini del cielo, per essere oblio e sostanza, attimo e eternità, per essere attrazione e repulsione, battito e quiete.

Danzavano e danzavano ed erano ebbri, nella loro danza.

Testo
Maria Letizia Del Zompo

By | 2017-07-09T15:17:03+00:00 luglio 9th, 2017|Amore, Racconti brevi|0 Comments

Leave A Comment