L’albero

Un albero
venne a cercarmi una volta nel sogno.
Il suo tronco malato
rischiava esile
di cedere al logorio del tempo.
Ma la sua anima lignea
si addensò sul lato malsano
e gli permise
di continuare a crescere
in direzione del cielo.
Io osservavo con occhi di bimba
il suo Essere caparbio
ed avvertii scorrere nel suo tronco
la linfa della mia vita rabbiosa,
il crepitio della mia anima liquefatta.
Io…
albero…
io stessa…
su…su…

Su fino al cielo,
divaricatevi,
espandetevi, braccia mie nodose centenarie
liberatevi dal tronco che vi contiene.
Riversate nell’aria
il canto millenario,
l’eco antica
della vita che si ripete.
Intrecciatevi al cielo che vi sovrasta
e gridatene, fruscianti
il suono ardente.

Ora, spicco con voi
un salto,
nell’infinito.

Testo
Maria Letizia Del Zompo

 

Poesia premiata nel concorso nazionale di poesia italiana “Alberoandronico”
e tratta dal libro “Rubo parole al cielo” (Nulla die 2019)

Libro – Rubo parole al cielo

 

By | 2019-06-07T15:01:02+00:00 luglio 22nd, 2017|Crescita personale, Libro-Rubo parole al cielo, Poesie|0 Comments

Leave A Comment