Lei e l’altra

Lei e l’altra

Le ho viste insieme sulla sponda del fiume,
occhi negli occhi,
per non smettere mai più di riconoscersi.
Lei, quella che ama le cose semplici
il pane fresco e il profumo dei limoni,
che ha bisogno di silenzi,
di intensità che entrano nel cuore lentamente
ramificando in ogni lembo d’anima,
così profonde e quiete da fare invidia agli angeli.

L’altra, quella che scalcia e si dimena
e muore ogni giorno nella fragranza dei fiori
nel rosso dei tramonti
nell’ebbrezza delle albe.
L’altra che è follia e brama
e si arrampica per ogni dove
fugge grida martella,
che tutto smembra e ricompone
e sbatte contro lo scoglio
come fosse sempre un mare in tempesta.

Lei, che culla e canta nenie
e se piange lo fa in silenzio.
Lei che sussurra:
«Mi farò unguento per le tue ferite,
e lembo di terra per colmare la distanza
che ci divide.»

L’altra che grida:
«Schiantami divorami saccheggiami
come fossi terra di conquista,
fammi vuota e vergine
perché possa accogliere un nuovo cielo.»

Lei, che è solo carezza e sorriso,
un palmo di mano in cui si adagia il mondo,
un tenero aggomitolarsi tra le braccia.

L’altra che è pelle e sensi
ritmo e spasmo
uno slancio oltre il confine,
un salto nel vuoto alla ricerca d’ali.

Le ho sentite dirsi,
lei e l’altra,
mano nella mano:
«Convivere con te è un tormento,
ma vivere senza di te un inferno.
E se mi specchio nel fondo dei tuoi occhi
so d’esser parte di te…
e d’esser bella.»


© Maria Letizia Del Zompo
dal libro “Rubo parole al cielo” (Nulla die 2019)
Maggiori informazioni → QUI

 

By | 2019-06-19T23:35:09+00:00 giugno 19th, 2019|Crescita personale, Libro-Rubo parole al cielo, Poesie|0 Comments