Omaggio alla luna – Poesie, frasi, citazioni, canzoni

Home/Altri Autori-Poesie_Brani_Citazioni, Amore, Poesie, Prose poetiche, Versi brevi, Video/Omaggio alla luna – Poesie, frasi, citazioni, canzoni

Omaggio alla luna – Poesie, frasi, citazioni, canzoni

Il 20 luglio di 50 anni fa, nel 1969, Neil Armstrong è il primo uomo nella storia dell’umanità a mettere piede sulla luna e a pronunciare la famosa frase: «That’s one small step for [a] man, one giant leap for mankind», riportata spesso con «Un piccolo passo per un uomo, un grande passo per l’umanità», ma da tradurre più propriamente con «Un piccolo passo per un uomo, un gigantesco balzo per l’umanità».

Moltissimi sostengono di ricordare dove fossero e cosa facessero quando “allunammo” per la prima volta. Io non posso annoverarmi tra questi, probabilmente dormivo, come fanno tutti i bambini la notte. Avevo 6 anni e lo sbarco avvenne alle ore 4,57 del mattino, ora italiana. Non ricordo di essere stata svegliata dai miei, né che loro mi abbiano raccontato di aver seguito lo sbarco dell’uomo sulla luna in diretta,
Nonostante ciò, sono cresciuta con la passione per lo spazio, per i pianeti e per le stelle. Tra i miei tanti sogni c’era anche quello di diventare un’astronauta. Sono invece diventata, tra le altre cose, una poetessa (in verità mi ritengo solo una autrice di versi, ma scrivo poetessa per semplificare) e penso che, in fondo, le due cose non siano molto diverse. Per diventare astronauti bisogna avere una straordinaria capacità di sognare e di adoperarsi per il proprio sogno, la capacità e la volontà di avventurarsi oltre l’apparenza delle cose e dei propri limiti. Viaggiare nello spazio è un po’ come sondare l’animo umano, in entrambi i casi si diventa esploratori di profondità e vastità e ci si sente piccoli e immensi allo stesso tempo.

In questo post, non voglio parlarvi dell’esplorazione della luna e dello spazio, ma di come la luna è stata vista e cantata nella poesia, nella letteratura, nella musica.

Prima di lasciarvi ai versi, alle citazioni e alle canzoni sulla luna, vi racconto brevemente come l’ho sempre vista io “la donna della notte”.

Per me “luna” sono le notti d’estate, il ricordo indelebile di un’enorme luna piena che al tramonto sorgeva grande e gialla all’orizzonte come un sole. Per me “luna” è silenzio, amore e tenerezza, è infinita gratitudine per una vita che ha il sapore del sale, la leggerezza e la libertà del vento, l’incalzante e perseverante ritmo dell’onda.
Non ho mai associato la luna con la mutevolezza, ma con la pienezza e la perseveranza, con il lavorio costante anche nel buio e nell’assenza, perché lei torna sempre in tutte le sue meravigliose sembianze; è “Il Ciclo”, quello che ci ha dà ordine e orientamento, è la forza segreta che agisce con amore nelle cose. Spesso dimentichiamo che non è stato solo il sole a donarci la vita, ma anche la luna. La luna ha stabilizzato l’asse terrestre determinando l’armonico susseguirsi delle stagioni, indispensabile presupposto perché possa svilupparsi una vita complessa come quella che ha portato alla nascita dell’uomo. La luna determina le maree e, con esse, la vita è approdata alla terra ferma. E così, anche per questo esistiamo. La giusta distanza dal sole ha fatto sì che potesse sbocciare la vita, ma è la luna che ha contribuito in maniera determinante a farci uomini, dobbiamo a lei la nostra essenza.

Canto alla luna
La luna geme sui fondali del mare,
o Dio quanta morta paura
di queste siepi terrene,
o quanti sguardi attoniti
che salgono dal buio
a ghermirti nell’anima ferita.
La luna grava su tutto il nostro io
e anche quando sei prossima alla fine
senti odore di luna
sempre sui cespugli martoriati
dai mantici
dalle parodie del destino.
Io sono nata zingara, non ho posto fisso nel mondo,
ma forse al chiaro di luna
mi fermerò il tuo momento
quanto basti per darti
un unico bacio d’amore.
Alda Merini


Da “I Canti”
Dolce e chiara è la notte e senza vento,
E queta sovra i tetti e in mezzo agli orti
Posa la luna, e di lontan rivela
Serena ogni montagna. O donna mia,
Già tace ogni sentiero, e pei balconi
Rara traluce la notturna lampa:
Tu dormi, che t’accolse agevol sonno
Nelle tue chete stanze; e non ti morde
Cura nessuna; e già non sai nè pensi
Quanta piaga m’apristi in mezzo al petto […]
Giacomo Leopardi
Segue su:  http://www.leopardi.it/canti13.php

Alla luna
O graziosa luna, io mi rammento
Che, or volge l’anno, sovra questo colle
Io venia pien d’angoscia a rimirarti:
E tu pendevi allor su quella selva
Siccome or fai, che tutta la rischiari.
Ma nebuloso e tremulo dal pianto
Che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci
Il tuo volto apparia, che travagliosa
Era mia vita: ed è, né cangia stile
O mia diletta luna. E pur mi giova
La ricordanza, e il noverar l’etate
Del mio dolore. Oh come grato occorre
Nel tempo giovanil, quando ancor lungo
La speme e breve ha la memoria il corso
Il rimembrar delle passate cose,
Ancor che triste, e che l’affanno duri!
Giacomo Leopardi

Io sarò la nube e tu la luna.
Ti coprirò con entrambe le mani, e il nostro tetto sarà il cielo.
Rabindranath Tagore

Tramontata è la luna
Tramontata è la luna
e le Pleiadi a mezzo della notte
anche giovinezza già dilegua,
e ora nel mio letto resto sola.

Scuote l’anima mia Eros,
come vento sul monte
che irrompe entro le querce;
e scioglie le membra e le agita,
dolce amara indomabile belva.

Ma a me non ape, non miele;
e soffro e desidero.
Saffo


Mezzaluna
La luna cammina sull’acqua.
Com’è tranquillo il cielo!
Va segando lentamente
il tremore vecchio del fiume
mentre un ramo giovane
la prende per uno specchio.

La luna va por el agua
¡ Como está el cielo tranquilo¡
Va segando lentamente
el temblor viejo del rio
mientra que una rana joven
la toma por espejito.
Federico Garcia Lorca

Tristezza della luna
Questa sera la luna sogna più languidamente; come una
bella donna che su tanti cuscini con mano distratta e leggera
prima d’addormirsi carezza il contorno dei seni,

e sul dorso lucido di molli valanghe morente, si abbandona
a lunghi smarrimenti, girando gli occhi sulle visioni
bianche che salgono nell’azzurro come fiori in boccio.

Quando, nel suo languore ozioso, ella lascia cadere
su questa terra una lagrima furtiva,
un pio poeta, odiatore del sonno,

accoglie nel cavo della mano questa pallida lagrima
dai riflessi iridati come un frammento d’opale, e la nasconde
nel suo cuore agli sguardi del sole.
Charles Baudelaire


O falce di luna calante

O falce di luna calante
che brilli su l’acque deserte,
o falce d’argento, qual mèsse di sogni
ondeggia al tuo mite chiarore qua giù!
Aneliti brevi di foglie,
sospiri di fiori dal bosco
esalano al mare: non canto non grido
non suono pe ’l vasto silenzio va.
Oppresso d’amor, di piacere,
il popol de’ vivi s’addorme…
O falce calante, qual mèsse di sogni
ondeggia al tuo mite chiarore qua giù!
Gabriele D’Annunzio

Luna, la celeste lampada,
A cui un tempo consacrammo
Passeggiate al buio, e lacrime,
Di segrete pene balsamo…
E oggi in lei vediamo solo
Un rimpiazzo dei lampioni.
Aleksandr Sergeevič Puškin


Sulla luna
Sulla luna, per piacere,
non mandate un generale:
ne farebbe una caserma
con la tromba e il caporale.
Non mandateci un banchiere
sul satellite d’argento,
o lo mette in cassaforte
per mostrarlo a pagamento.
Non mandateci un ministro
col suo seguito di uscieri:
empirebbe di scartoffie
i lunatici crateri.
Ha da essere un poeta
sulla Luna ad allunare:
con la testa nella luna
lui da un pezzo ci sa stare…
A sognar i più bei sogni
è da un pezzo abituato:
sa sperare l’impossibile
anche quando è disperato.
Or che i sogni e le speranze
si fan veri come fiori,
sulla luna e sulla terra
fate largo ai sognatori!
Gianni Rodari


Una solitudine pura e una pace profonda. Le cose migliori che la luna possa offrire agli uomini.
Haruki Murakami

La luna è una compagna fedele.
Non va mai via. È sempre di guardia, risoluta, ci conosce con il buio e con la luce, e come noi è in continua trasformazione. Ogni giorno è una versione diversa di se stessa. A volte tenue e pallida, altre intensa e luminosa. La luna sa cosa significa essere umani.
Insicuri. Soli. Butterati dalle imperfezioni
Tahereh Mafi

Quel satellite era sempre stato un prezioso alleato del genere umano. La sua luce era un regalo caduto dal cielo. Prima del fuoco, degli attrezzi, del linguaggio, la luna rischiarava il buio del mondo e calmava la paura degli uomini. Le sue fasi avevano insegnato agli umani il concetto di tempo.
Haruki Murakami

Ognuno è una luna e ha un lato oscuro che non mostra mai a nessuno
Mark Twain

È sera con la luna. Ti stanchi a passeggiare. Staresti tutta la notte fuori, così, a bearti delle cose sotto la luna che t’appaiono eterne: così le porte chiuse, i camini, i muri dei giardini. Con tutte le cose vorresti stare un po’ assieme e vedere come la luna tramonta, ascoltando i gemiti di questi uccellacci notturni.
Rocco Scotellaro

La Luna è un usignolo muto.
Max Ernst

Ci sono notti in cui i lupi tacciono e solo la luna urla
George Carlin

La luna è l’anima, è il nostro modo di vivere le emozioni, i desideri, i sogni. La terra è la realtà, il luogo in cui lottare con i rimpianti e le delusioni.
Romano Battaglia

La luna riposava proprio sopra le montagne, un posto che chiamavo casa
Daniel Wallock

Non giurare sulla luna, l’incostante luna che si trasforma ogni mese nella sua sfera, per paura che anche il tuo amore si dimostri, come la stessa luna, mutevole Shakespeare (Romeo e Giulietta)

La luna non considera una fase migliore di un’altra; lei si illumina, ugualmente sbalorditiva ad ogni turno. Perché dovremmo essere diversi?
Cristen Rodgers

Mi piace pensare che la luna sia lì anche se non la guardo
Albert Einstein


I MIEI VERSI

Come luna*
Come luna
hai stabilizzato l’asse
della mia trottola impazzita
e hai smosso
del mio ventre l’acqua,
generando l’onda
che alla vita donò il flusso,
il moto dei mondi,
l’eterno movimento del cerchio.
Con la forza sicura
della tua pietra millenaria
hai generato in me la crepa,
quella da cui scaturiscono i vulcani
con il loro fuoco fecondo
che alimenta i pendii del monte
e la pianura.

Generoso,
mi donasti il tuo riflesso
e hai fatto di me
una Terra,
unica
e viva.
Maria Letizia Del Zompo

Parla la notte*
Un fruscio d’ali tra i pini,
la luna grande e bianca
a mezzo cielo.
Parla la notte,
scivola come una carezza
la malinconia.
Maria Letizia Del Zompo

Trame di luce*
Per sempre
dileguerà la notte
all’incalzare delle tue trame
di luce
e la luna sorgerà
a sposare i miei occhi,
spargendo paglie di stelle
nel vento.
Maria Letizia Del Zompo

Un velo di luna e vento*
C’è un velo di luna e vento
nel cielo della sera,
il sole al tramonto è un bacio
nell’insenatura dei colli.
Una torre di sabbia
e le sue conchiglie
s’ergono come perle
d’un sogno sereno.
E poi gli ultimi baci
riversi nell’ombra
mentre una vela s’attarda,
come i gabbiani
sull’onda.
Maria Letizia Del Zompo

*Poesie dalla Raccolta “Rubo parole al cielo” (Nulla die 2019). Informazioni → QUI

Metterei i miei baci in fila
da qui alla luna
perché camminino su un sentiero d’amore
i tuoi sogni.

*****

Cullata dalla risacca
Mi addormenterò
Sul letto dei tuoi fiori profumati
Respirando luna e stelle.
Maria Letizia Del Zompo

E questa notte, Amore mio,
con la luna negli occhi
e le stelle sulle labbra
saremo solo cuore
ed infinito.
Maria Letizia Del Zompo

Scivolo nella notte
come un lembo d’acqua
cristallino, nel chiarore della luna.
Maria Letizia Del Zompo

*****
È un groviglio di lune la notte
un pallore di stelle
nella curva del cuore.
Maria Letizia Del Zompo

*****
Quando stanotte guarderai
La stessa luna
Pensami
Io sarò lì
Su un ponte di luce
Tra cuore e cielo
A colmarmi
D’azzurro e stelle.
Maria Letizia Del Zompo

*****
Lo senti?
È sciolto il nodo del pianto
il cuore chiama
la luna è una carezza
e il buio
è solo un contrappunto …
è rosso il canto.
Maria Letizia Del Zompo

Oggi ho ali e pensieri azzurri
un rincorrersi d’albe
e lune ai tramonti.
Oggi sono un sentiero
tra i cieli.
Maria Letizia Del Zompo

*****
Cerco l’odore dei fiori di campo
di chi cresce ai margini
e tra le crepe.
Cerco i colori
di chi conosce le notti
senza luna.
Maria Letizia Del Zompo

*****

E vorrei essere stasera
Un pensiero leggero
Un
petalo di luna e cielo
Che ti cada
tra le braccia
Maria Letizia Del Zompo

Riposa lieve il mio pensiero
Come gemma di luna
sul cielo terso
del tuo infinito mare.
Maria Letizia Del Zompo

Oh luna
Illumina ti prego
L’ultimo tratto del sentiero
Perché possiamo poi
Raccoglierli tutti
I nostri sogni
Maria Letizia Del Zompo

Sono come te
[…] Prendimi per mano
perché tremo
come te
e quando guardo il cielo la notte
qualche volta
è solo il buio tra le luci lontane
che si racconta
e la luna è muta […]
Maria Letizia Del Zompo
Da “Passi. Versi di un incontro

[,,,] Giunse poi la notte con il suo carico di stelle, in quella città che le sarebbe dovuta essere estranea, ma che emanava un odore d’infanzia. Qualcosa di intimo e segreto, come i primi baci adolescenziali rubati sul ciglio della strada o al molo della sua città natale nelle notti d’estate. Quando le notti erano calde e magiche e le voci echeggiavano tra le luci delle stelle e la scura seta dell’acqua, che tremolante rimandava nell’oscurità il volto della luna, mentre le luci della città lasciavano nell’ombra le spiagge, dove, tra ombrelloni e sdraio, si annidavano coppie di giovani innamorati […]
Maria Letizia Del Zompo


CANZONI

…E la luna bussò cantata da Loredana Bertè
Testo di Mario Lavezzi  Oscar Avogadro e Daniele Pace

E la luna bussò alle porte del buio
“Fammi entrare”, lui rispose di no!
E la luna bussò dove c’era il silenzio
ma una voce sguaiata disse
“Non è più tempo”
quindi spalancò le finestre del vento
e se ne andò a cercare un po’ più in là
qualche cosa da fare […]

 

Tintarella di luna cantata da Mina

Abbronzate, tutte chiazze,
pellirosse un pò paonazze,
son le ragazze che prendono il sol,
ma ce n’é una
che prende la luna.
Tintarella di luna,
tintarella color latte
tutta notte sopra il tetto
sopra al tetto come i gatti
e se c’é la luna piena
tu diventi candida.
Tintarella di luna,
tintarella color latte
che fa bianca la tua pelle
ti fa bella tra le belle
e se c’é la luna piena
tu diventi candida.
Tin tin tin
raggi di luna
tin tin tin
baciano te
al mondo nessuna é candida come te […]

 

Fly me to the moon cantato da Frank Sinatra
Testo di Bart Howard 

Fly me to the moon
Let me play among the stars
Let me see what spring is like on
A-Jupiter and Mars
In other words, hold my hand
In other words, baby, kiss me […]

Fammi volare fino alla luna
Fammi giocare tra le stelle
Fammi vedere che effetto fa saltare
Su Giove e Marte
In altre parole, prendimi la mano
In altre parole, piccola, baciami